5 . Metamorphosis Inside: The Drowning

CAPITOLO 5 . THE DROWNING

 

Torna al capitolo 4…

 

Sta scendendo la notte su Gamargas Hill. La famiglia Fenton procede veloce sulla sua auto Staydas Black. Sono andati a prendere i due figli alla scuola superiore e nel tragitto di ritorno si sono imbattuti in un grave incidente stradale che ha bloccato il traffico.

Il signor Fenton ha deciso di prendere una strada alternativa per velocizzare il rientro. Una strada però alquanto isolata e impervia.

“Era proprio necessario prendere questa strada? Lo sai che non è tra le più sicure” esclama la signora Fenton.
“Effettivamente non è delle migliori ma non avevamo alternative. Era ormai un’ora che stavamo in colonna” risponde il signor Fenton.

“Credo che dovresti andare più piano tesoro. La strada è stretta e qui sulla sinistra c’è un laghetto, stai attento.”
“Non preoccuparti cara, ho fatto ancora questa strada.”

La Staydas procede più lentamente ma la carreggiata si presenta alquanto sconnessa. Ad un certo punto dal finestrino entra un insetto di grandi dimensioni. Il signor Fenton si spaventa e inizia ad agitarsi, facendo vacillare l’auto.

Sua moglie grida: “Stai tranquillo! E’ solo una libellula!”

L’auto si avvicina troppo alla banchina, la ruota anteriore sprofonda nella terra, seguita dalla ruota posteriore. Il mezzo perde aderenza e il signor Fenton non riesce a manovrare il volante.

La signora Fenton si mette ad urlare mentre l’auto si infila nella vegetazione e di colpo si ritrova a volare nel vuoto, per poi atterrare in uno specchio d’acqua stagnante.

Si sentono grida di terrore e i quattro membri della famiglia cercano di uscire dall’abitacolo. Non sanno quanto profondo è quel laghetto, l’auto sembra sprofondare lentamente. Il signor Fenton e sua moglie riescono ad aprire gli sportelli e invitano i due figli a fare altrettanto mentre l’acqua inizia ad entrare.

Di lì a poco i due coniugi si ritrovano nel buio della notte sul ciglio della strada. Ma dei due figli non vi è traccia. In preda alla disperazione vedono l’auto che rimane sospesa nell’acqua e capiscono che i due ragazzi sono intrappolati e hanno pochissime speranze di uscirne vivi se qualcuno non interverrà a breve.

………………………………………

“I vostri figli sono stati fortunati a salvarsi – spiega il dottore dell’Ospedale ai signori Fenton – hanno ingerito molta acqua ma attualmente sono stabili. Potrebbero esserci dei problemi di infezione perché quelle acque non sono pulitissime. Li terremo qui per un paio di giorni.”

“Grazie dottore – esclama la signora Fenton – possiamo vederli?”

“Certo, ma adesso stanno dormendo ed è meglio lasciarli riposare.”

I signori Fenton si precipitano nella stanza del pronto soccorso dove i figli riposano uno vicino all’altro, coperti solo da un lenzuolo.

La signora Fenton li guarda con aria rasserenata. Si avvicina alla figlia per darle un bacio sulla fronte. Guarda il suo volto di ragazzina di 16 anni, con i capelli corti color biondo platinato e il trucco un po’ sbavato. In quel momento la giovane spalanca gli occhi. Sono di ghiaccio, la pupilla piccolissima, non sembrano occhi umani.

La madre, presa da un senso di inquietudine, si volta verso il figlio. Anche lui ha gli occhi spalancati, di ghiaccio.

Guarda il marito inorridita e non riesce a parlare. Il signor Fenton si precipita fuori dalla stanza: “Dottore dottore, venga subito, abbiamo bisogno di aiuto! Derrica e Favian stanno male!”

CAPITOLO 6

6. Metamorphosis Inside: The Escape