7. Metamorphosis Inside: The Rescue

CAPITOLO 7 . THE RESCUE

 

Torna al capitolo 6…

 

Jacob è annoiato davanti alla virtual tv. Cerca di non pensare alla sua situazione e scorre velocemente i canali. Tra i vari box balza ai suoi occhi l’immagine di un’auto finita dentro al laghetto, nei pressi della discarica Schmoxygen. Fa subito tap sulla scena e davanti a lui appare la notizia dell’incidente occorso alla famiglia Fenton.

Vede le foto dei due giovani finiti in ospedale e i loro volti stranamente trasformati. Rimane impietrito: “Ecco, è successo a qualcun altro! Allora è colpa di quella merda chimica!”
Altre scene gli passano davanti: scene agghiaccianti. I due giovani sono senza controllo e prendono di mira tutto quello che gli capita sotto.

Guarda il disastro successo in ospedale, con la polizia sul luogo dell’uccisione dell’infermiere.
Ma da lì non si sono fermati. Hanno fatto irruzione in una macelleria, in cui si sono cibati di alcuni pezzi di carne. Il proprietario è stato trovato chiuso nella cella frigorifera, legato come una porchetta e con un affilacoltelli infilzato in un gluteo.

Si sono poi diretti in un supermercato in orario di apertura, dove hanno distrutto i due acquari presenti nella zona pescheria, generando un fuggi fuggi generale. Molti clienti sono scivolati sul pavimento bagnato e sono stati pesatati dagli altri; alcuni di loro sono gravi.

Hanno razziato anche alcuni negozi di abbigliamento di marca; una commessa è stata colpita al volto. Le forze dell’ordine li stanno cercando senza sosta.

Jacob decide di trovarli prima che vengano catturati, per potergli parlare, per avere un confronto e cercare di capire se c’è una soluzione alla loro situazione.

……………………………………………………………………….

Si reca nei pressi del negozio di abbigliamento dove la commessa è stata ferita, che è l’ultimo luogo di avvistamento dei due. Ma di loro nessuna traccia! Deve anche stare attento a non farsi vedere in volto dalla polizia o dai passanti, altrimenti crederanno che è anche lui un mostro…

Lì vicino c’è un parco alberato e vi entra. E’ semideserto, anche perchè è mattina presto. Sente dei rumori di volatili muoversi sui rami. Pensa che sia un luogo adatto a nascondersi facilmente per due fuggiaschi dalle sembianze animalesche, soprattutto perché ci sono ancora degli alberi con il fogliame.

Cammina lentamente nel sentiero sassoso; non c’è ancora molta luce e aleggia una nebbia autunnale. Dietro di lui sente un fruscio di foglie secche. Si volta e vede quattro occhi luminosi che lo fissano da sopra un albero.

“Derrica… hai visto quello lì? – esclama a bassa voce Favian – è simile a noi!”
“Ma cosa dici? Non vedi che schifo che fa? Sarà anche simile ma non è al nostro livello! Eliminiamolo! Non possono esistere altri come noi.”
“Ok ma facciamo alla svelta e senza farci troppo notare. Abbiamo fatto troppo casino fino ad ora.”

Jacob non capisce quello che si sono detti; vede soltanto quelle due sagome che fanno un balzo uscendo dal fogliame. I loro volti non sono umani, sono deformati, specialmente nella zona orbitale. La pelle è diventata grigia e gli occhi si sono ingranditi e sembrano usciti dalle orbite.

Jacob è impietrito e non riesce a muovere un muscolo o ad urlare. Sembra spacciato. Manca poco prima che i due lo afferrino, quando sente il suo corpo strattonato da dietro e trascinato a gran velocità lontano da quei demoni.

Loro si bloccano a terra, hanno un attimo di esitazione e non capiscono bene cosa sia successo. Un faro della polizia illumina il parco e i due giovani, in preda al panico, si dileguano.

Jacob continua ad essere trascinato di peso, cerca di accompagnare la corsa ma le sue gambe sembrano muoversi nel vuoto. Alza lo sguardo e vede dei lunghi capelli castani ondeggiare nell’aria. Dopo qualche minuto la corsa sfrenata si interrompe. Il suo cuore batte all’impazzata. L’individuo che l’ha portato via, gli rivolge uno sguardo. E’ Henie!
“Però, non ti facevo così pesante!”

CAPITOLO 8

8. Metamorphosis Inside: The Truth