Blood-C: la censura in Italia colpisce ancora inesorabile

Perché non possiamo vedere Blood-C per l’horror-splatter che è?

Blood-C è un anime del 2011 da catalogare senza ombra di dubbio nella categoria horror-splatter. Scene al limite del cruento e che lasciano poco spazio all’immaginazione. Demoni che mangiano uomini nei modi più efferati, uccisioni senza alcuna pietà e tra atroci sofferenze.

Protagonista è Saya Kisaragi, una ragazzina che va ancora a scuola ma che di notte impugna la spada e difende la sua cittadina da questi mostri.

Sono sicuro che, se avete visto il cartone nella lingua italiana, notare tutta questa efferatezza è difficile. Questo perché la censura ha fatto di nuovo capolino in una serie anime trasposta in Italia. La nostra protagonista Saya è una liceale assai dolce, disponibile col prossimo e appare spesso goffa agli occhi della gente. Ma dentro di sé vive una guerriera sovrannaturale che uccide demoni mangia uomini.

Con queste premesse non possiamo assolutamente accettare che le immagini più forti siano state camuffate o rese meno esplicite di quello che sono. Se vogliamo avere una vera visione di insieme di questo cartone si rende quindi necessaria la visione in lingua originale. So che non è molto comodo guadare l’anime in questo modo ma Blood-C deve essere visionato per quello che è: crudele e sadico.

Ci sono pure i coniglietti in Blood-C!

Blood-C è un enorme contenitore di sangue e distruzione. Come abbiamo detto non è facile carpirne l’essenza qui in Italia per via della censura. Noi ad esempio ci siamo avvicinati a questa opera grazie ad immagini e video assai curiosi. Stiamo parlando di coniglietti! Ma non i classici conigli che trovate nelle fiabe, carini e coccolosi.

Niente di tutto ciò. Qui questi animaletti non sono altro che demoni sotto mentite spoglie. Nella scene in questione i conigli sono enormi, cattivissimi e senza alcun briciolo di coscienza. Triturano letteralmente gli esseri umani e li cucinano allo spiedo. Li mangiano con gusto, leccandosi le dita (se così le possiamo descrivere).

Queste immagini sono davvero forti ma ci hanno anche portato a voler sapere di più di questo anime. E ci siamo indignati del fatto che da noi non si sono mai visti questi “amabili” conigli. Fidatevi questo è solo un esempio di ciò che Blood-C ha da offrire.

La scuola nutre la fame di sapere e non solo quella

La censura quindi è piombata su Blood-C qui da noi impietosamente. Il nostro consiglio rimane quello di guardare l’anime in lingua originale. Altrimenti la scuola vi risulterà noiosa come nella realtà. A parte le battute la scuola è il teatro principale delle scene più sanguinolente.
Decine di studenti presi, mangiati e infilzati. Si perché i demoni non hanno fame di sapere ma fame e basta. Ci troviamo una specie di demone-pianta che trapassa da parte a parte molti studenti ad un ritmo incessante. Un mostro che sembra un polipo irrompere come nulla fosse in aula e smembrare decine di alunni senza pietà.

Le sequenze che più ci sono balzate all’occhio sono quello dove una specie di creatura con fattezze da leone, schiaccia scolari nel cortile della scuola e se ne lancia diversi in bocca per assaporarne la carne. Il momento più incredibile è quando la bestia afferra una studentessa per le gambe, la sospende per aria e la strappa a metà. Vi bastano queste premesse per avvicinarvi a Blood-C?

Kiseiju – L’ospite indesiderato: alieni troppo invadenti!

Le origini misteriose del racconto Vampire Knight