The Lost Anime

2020 The Lost Anime Blog Logo

The Lost Anime

Recensioni, News e Curiosità Su Manga, Anime, Cartoni Animati

Inserisci il nome del manga, anime o personaggio, ad esempio “kenshiro” o “candy candy”. Non inserire troppe parole o frasi.

D’ART Shtajio, il primo studio anime di proprietà di neri

D’ART Shtajio è il primo studio di anime giapponesi di Tokyo, i cui fondatori sono persone di colore americane. Nasce nel 2016 da tre esperti del settore. I due fondatori di colore sono i gemelli Arthell e Darnell Isom. Il terzo fondatore è Henry Thurlow.

D’ART Shtajio non è solamente il primo studio anime di proprietà di neri ma anche il primo studio anime di proprietà di americani. In Giappone la forza lavoro è straniera è molto ridotta e le aziende estere fanno fatica a insediarsi. Tuttavia, la tendenza per i prossimi decenni è verso la multiculturalità e l’insediamento di nuovi business non giapponesi.

Cosa significa il nome D’ART Shtajio

“Shtajio” è un gioco di parole, un mix tra Sutajio e Shtaji.

Sutajio è la parola giapponese per “studio (di animazione)”.

Shtaji è la fondazione, la base e nel mondo dell’animazione si dice che “la base è importante” per dire che la parte iniziale, lo sketch, la bozza sono essenziali per un buon lavoro. Ma i membri di D’ART Shtajio intendono anche sottolineare che per loro la base è il rapporto con i clienti, la soddisfazione dei loro sogni e desideri.

L’attività di D’ART Shtajio non riguarda solo la produzione di anime in stile giapponese. L’intento è di introdurre elementi occidentali nel mondo delle anime, sia in termini di cultura, che di stile e narrazione, per fondere i due mondi e creare storie innovative.

Chi sono i membri fondatori

L’americano Henry Thurlow ha lavorato come animatore alla Pierrot Animation per Tokyo Ghoul e alla Nakamura Production per i progetti di Pokémon e Gundam Build Fighters. E’ appassionato di anime dai toni oscuri e inquietanti, come “Ninja Scroll” e “Berserk”.

Arthell Isom ha frequentato scuole d’arte a San Francisco e Osaka, oltre ad aver studiato storia dell’arte in Italia. Più che un animatore è un disegnatore e ha iniziato ad appassionarsi alle anime giapponesi con “Ghost In The Shell”. Ha fatto parte del team Ogura Kobo per i progetti di “Bleach”, “Black Butler”, “Naruto” e “Lupin III: The Woman Called Fujiko Mine”.

Darnell Isom è un concept artist e collabora con lo studio lavorando dall’America, precisamente dalla California.

I progetti di D’ART Shtajio

Lo studio D’ART Shtajio ha contribuito ai progetti di “Gintama”, “Indigo Ignited”, “The Doll” (“Shojo no Piero”), “Tephlon Funk”. Attualmente nello studio sono impegnate una decina di persone. Trovate tutte le informazioni sulla loro attività nel loro sito web, su Twitter, Facebook, Instagram.

I 9 personaggi di colore nelle anime più affascinanti

I costumi di Goku più belli in Dragon Ball votati dai fan

Come finisce Bleach nell’anime: a che punto è la storia

 

error: Content is protected !!