Halloween al Castello del Catajo con il fantasma di Lucrezia

Halloween con i cosplay dell’horror e del mistero al Castello del Catajo

Iniziamo la nostra avventura nel mondo delle feste cosplay con la serata del 31 ottobre 2018 al Castello del Catajo di Battaglia Terme, in provincia di Padova. La serata si intitolava “Aperitivo con il fantasma” e si proponeva come una “diversa” festa di Halloween. Così decisamente è stato!

Un’atmosfera da castello infestato

Appena siamo arrivati davanti al Castello del Catajo abbiamo trovato il maestoso cancello aperto, abbiamo costeggiato l’edificio in auto e abbiamo parcheggiato in un grande spazio erboso.
Dopo un breve sentiero a piedi nell’oscurità, siamo giunti all’entrata, dove due signore hanno registrato la nostra presenza e ci hanno consegnato i calici per la degustazione dei vini.

Siamo saliti al piano della festa tramite delle scalinate scomode, senza gradini ma con dei dossi molto alti. Ci hanno spiegato che venivano usate per salire con i cavalli, perché gli zoccoli facevano presa sui dossi. Ma le donne con i tacchi nel 21^ secolo fanno molta fatica e noi abbiamo assistito a scene tragicomiche…

Dopo la scarpinata, si è presentata ai nostri occhi un’ampia terrazza, contornata da alcune torrette.
Questo è il piano definito “nobile”, che si affaccia sui Colli Euganei e sul Parco delle Delizie del Castello.

L’ingresso ci ha portati nel maestoso salone affrescato, già popolato dai primi partecipanti in maschera. Alle pareti si poteva ammirare l’albero genealogico della famiglia Obizzi.

La cena a buffet nelle magiche sale affrescate

La serata proponeva un menu a base di risotto di zucca e lasagne ai funghi. Come dolce una torta al limone e crema. Nonostante ci fossero solo queste portate, era tutto davvero squisito e la qualità era ottima, tanto da indurre tutti a fare diversi bis. Il buffet era realizzato dal Catering “Cose Belle”.
Molto graditi anche i vini euganei delle cantine Salvan Vigne del Pigozzo e La Mincana, che si potevano degustare nella stanza attigua.

L’atmosfera era resa più misteriosa dalle musiche electronic trip hop del duo Gushi e Raffunk.

Alla ricerca del fantasma di Lucrezia Obizzi

A gruppi c’era la possibilità di andare a fare una visita guidata al Castello del Catajo, con la guida turistica che descriveva in particolare l’omicidio di Lucrezia Obizzi nel ‘600 e la leggenda del suo fantasma che aleggia ancora oggi tra le mura.

Questo delitto, che è ritenuto il fatto di cronaca nera più efferato del Seicento padovano, è ancora avvolto nel mistero. Anche se c’è un indiziato.

Il Castello fu costruito a partire dal 1570 dalla famiglia Obizzi, originaria della Francia. Nel 1654 nella notte tra il 15 e il 16 novembre venne assassinata Lucrezia Dondi Dall’Orologio, moglie di Pio Enea II. Fu trovata nella sua stanza con la gola recisa da un rasoio.

In seguito i sospetti ricaddero su Attilio Pavanello, amico del marito di Lucrezia e invaghito della donna, che però lo rifiutava. Ma gli indizi non erano sufficienti per incriminarlo.

Tredici anni dopo, il figlio di Lucrezia ed Enea, Ferdinando volle vendicare la morte della madre uccidendo Attilio.

Nel Castello del Catajo è ancora oggi conservata la pietra insanguinata, su cui si appoggiò morente la nobildonna. Durante la visita abbiamo potuto vedere la pietra, vicino alla quale si narra appaia il fantasma della dama azzurra. Purtroppo non abbiamo visto il fantasma!

Cosplay e costumi di Halloween

Ma veniamo ai costumi. Noi di The Lost Anime eravamo vestiti da Corey Taylor e Joey Jordison, rispettivamente frontman e batterista del gruppo heavy metal degli Slipknot!
Alla serata c’erano molti altri partecipanti vestiti a tema Halloween: la famiglia Addams, il Joker, la regina Maleficent, il lupo e Cappuccetto Rosso, una simpatica bambina vestita da ragno, il Cappellaio Matto, tante streghe e vampiri.

All’uscita ci ha salutati un simpatico gatto rosso, che non sembrava affatto spaventato dalle nostre maschere. Ci hanno spiegato che quello è il “proprietario ufficiale” del Castello!