The Lost Anime

Otherside dei Red Hot Chili Peppers e il cinema horror muto

Già dalle prime scene del video Otherside dei Red Hot Chili Peppers si notano delle sfumature dark horror, quasi da Arkham City. La canzone è dedicata all’ex chitarrista del gruppo Hillel Slovak. Questo musicista fu il fondatore della band ma morì nel 1988 per un’overdose di eroina. Il testo della canzone parla del problema della droga, in cui il cantante Anthony Kiedis è caduto varie volte. Il video musicale è stato prodotto dai registi statunitensi Valerie Faris e Jonathan Dayton. L’ambientazione è stilizzata, cubista, bidimensionale, con richiami all’espressionismo tedesco.

La storia del video Otherside dei Red Hot Chili Peppers

La prima immagine del video mostra un ragazzo con delle ali rosse a forma di bocca, disteso a terra e circondato da spine, come se fosse un angelo appena caduto. Rappresenta probabilmente coloro che sono in preda ai fumi della droga.

Viene poi inquadrato il cantante Anthony Kiedis che per l’occasione ha cambiato il suo look con un capello corto biondo platinato; solo una ciocca di capelli è colorata di nero. Canta dalla cima di una torre stilizzata e disegnata: attorno a lui l’ambiente è tutto black & white. Il cielo è coperto e velato da nubi grigie.

John Anthony Frusciante non ha in mano la sua solita chitarra ma una corda che percorre un lungo corridoio. Michael Peter Balzary aka Flea, con i capelli rosa-fucsia, suona i fili dell’elettricità invece che il suo basso. Chad Smith utilizza l’orologio di una torre al posto della sua batteria.

La verità sulla droga è come l’occhio di Horus

Improvvisamente gli occhi del giovane si aprono e si illuminano: uno dei suoi occhi sembra il simbolo esoterico dell’occhio con il sole. Questo simbolo è nato nell’antico Egitto e viene chiamato Occhio di Horus. Rappresenta il sole e la luna ma anche la conoscenza, la verità. Troviamo questo simbolo nella cultura buddista e simboleggia la conoscenza, il vedere oltre la realtà materiale: è il cosiddetto “terzo occhio” che vede più degli altri due reali. Cosa rappresenta in questo video? Sicuramente è legato al problema della droga: rendersi conto che la droga è un problema è già un passo avanti per uscirne ma non basta.

La lotta alle dipendenze

La storia del video musicale prosegue mostrando un’ambulanza che viaggia a tutta velocità tra alberi che sembrano spine. Su questa ambulanza c’è il ragazzo ferito che viene portato in un ospedale. Gli viene fatta un’anestesia e inizia a sognare (o forse stava già sognando prima?). Si ritrova a combattere con un drago di cartone che sputa fuoco.

Dall’alto si vede una scala scendere e lui di corsa ci sale sopra. Arriva in cima ad un palazzo dove c’è un dipinto picassiano: un volto femminile con una bocca rossa, un naso e solo l’occhio sinistro. Mentre lo sta guardando, la sua ombra si stacca dal suo corpo; il giovane afferra una torcia e cerca di combattere con la sua ombra. Anche la sua ombra afferra una torcia e inizia a combattere. Il giovane finisce con la schiena addosso al dipinto e la bocca disegnata si attacca alla sua schiena, diventando una specie di ali.

Con le ali inizia a volare sulla città ma un corvo gigante lo vede, lo colpisce e lo fa cadere. La scena è esattamente quella iniziale! Il sogno sta ricominciando e continuerà all’infinito? Questa storia rappresenta l’incubo di chi è in preda agli stupefacenti. La lotta che il ragazzo attua contro la sua ombra significa che per uscire da questo circolo bisogna combattere solo con se stessi: il problema non è la droga o il mondo esterno, ma sta solo nella propria volontà.

Otherside dei Red Hot Chili Peppers ispirato ad un film horror muto tedesco

Sul web si legge che l’ispirazione per il video musicale è arrivata dal film tedesco “The Cabinet of Dr Caligari”, film muto horror del 1920. Questo film gioca molto sulla sottile differenza tra realtà e sogno e parla di un ragazzo, Francis, che racconta ad uno sconosciuto la storia del dottor Caligari. Il dottor Caligari era uno psichiatra-psicanalista che faceva esperimenti di sonnambulismo su un suo paziente, Cesare, e gli faceva compiere degli omicidi senza il suo consenso. La vita di Francis si intreccia con quella del dottor Caligari, in una serie di vicende emozionanti e strabilianti. Il finale è a sorpresa: il dottor Caligari non esiste e Francis ha inventato tutta la storia: i protagonisti esistono solo nella sua mente!

Il significato di Hurricane dei Thirty Seconds to Mars

Smells like Teen Spirit dei Nirvana è un… deodorante

 

error: Content is protected !!