The girl in the rain: Bia alle prese con il mondo dei morti

The girl in the rain: l’inquietante storia della ragazza fantasma

The girl in the rain” (ep. 59) è un altro episodio della serie “Bia la sfida della magia” che in Italia è stato censurato. Il motivo è chiaro: l’episodio è abbastanza inquietante, parla di persone morte e di fantasmi che non vogliono abbandonare la terra.

L’apparizione del fantasma in una chiesa cristiana

E’ una giornata piovosa e Rabi, fratellino di Bia, esce di scuola. Mentre è a piedi per strada, viene incuriosito da una chiesa cristiana. Decide di entrare e si trova al cospetto di un crocifisso con Gesù: si inginocchia e prega.

Ad un certo punto si sente la voce di una ragazzina, ma non si vede nessuno. Rabi è visibilmente spaventato: l’atmosfera è lugubre, in chiesa non c’è nessuno, l’ambiente è semibuio, a parte una luce violacea che entra dai finestroni e l’illuminazione fioca della candele.

All’improvviso vicino a lui appare una ragazza: vestita di viola, capelli blu, magra e pallida, occhi grandi, azzurri e tristi. Rabi si avvicina, scambiano qualche battuta; poi lei esce dalla chiesa, senza ombrello nonostante la pioggia, e scompare.

Bia alla ricerca della creatura misteriosa

Il giorno dopo Rabi finisce le lezioni e fuori da scuola vede l’arcobaleno. Si dirige verso la chiesa e trova la ragazza a terra davanti alla porta: sembra stare male, perchè lei è “The girl in the rain” e solo la pioggia la fa stare bene. Rabi se la carica sulle spalle e decide di riaccompagnarla a casa.
Poco dopo un’amica di Bia incontra Rabi per strada mentre… parla da solo! Sembra tenere qualcosa sulle spalle ma in realtà non c’è nessuno. Solamente Rabi vede la bella ragazzina dai capelli blu!

Bia viene informata dalla sua amica dello strano comportamento di Rabi e inizia ad indagare. Si reca a casa della ragazza dai capelli blu: è una casa vecchia, diroccata, disabitata. Solo Rabi la vede come una splendida villa signorile.

Bia parla con sua mamma della situazione: le due capiscono che Rabi ha a che fare con una creatura misteriosa, che si mostra solo ai suoi occhi. Decidono quindi di fare un incantesimo a Rabi e gli imprimono una frase magica sulla fronte. Quando incontrerà la creatura, la parola magica sprigionerà il suo effetto e anche le due maghe saranno in grado di vederla.

L’incantesimo per far apparire i fantasmi

Il giorno dopo, quando Rabi incontra la ragazzina dai capelli blu, l’incantesimo entra in azione. Sulla fronte di Rabi appare la parola magica e la ragazzina fantasma ne subisce gli effetti. Rabi sviene, la ragazzina si disintegra e poi riappare come un vero e proprio fantasma. Bia e la mamma entrano nella stanza e la vedono: la ragazzina è costretta a raccontare tutta la sua storia.

Lei abitava in quella casa con i suoi genitori. Una sera però i due coniugi sono morti in un incidente stradale, scontrandosi con un camion. Poco dopo il funerale (che si è svolto nella chiesa dove Rabi l’ha incontrata), la ragazza ha iniziato a vagare nel bosco in preda alla disperazione. Era notte e non si è accorta di un dirupo: è scivolata e, dopo un volo di molti metri, si è sfracellata sulle rocce.

Le due streghe riescono a convincere la ragazza a passare nell’aldilà. Prima però lei vuole salutare Rabi. Si presenta a casa sua il giorno dopo, gli da l’addio e scompare per sempre.

Foggy morning paper, Tarou: Bia si innamora di un fantasma

Kyoya Izayoi e i mostri infernali di Demon City Shinjuku