Vampire Hunter D: mi presento, sono il figlio di Dracula!

Vampire Hunter D nasce come manga di successo nel 2007. D è il protagonista ed è niente po’ po’ di meno che un cacciatore di vampiri. La cosa strana di tutto ciò è che D è un vampiro. Questo perché suo padre è Dracula in persona. Il nostro personaggio è nato dal frutto di malati tentativi del Conte di creare un essere superiore. Vi riesce copulando con l’umana Mina Murrey (personaggio citato nel romanzo “Dracula”).

Con Dracula come padre Vampire Hunter D sarà cattivissimo… o forse no!

D è quindi mezzo umano e mezzo vampiro. La sua natura ibrida lo porta a non essere sempre spietato e a provare sentimenti. La bella Doris è vista inizialmente come una distrazione ma poi diventa alleata e qualcosa di più.

Salva la giovane ragazza da morte certa. Doris viene morsa da un vampiro dell’alta borghesia. D è un reietto per via del suo essere di sangue misto e decide di essere il giustiziere di tutti quei nobili che gli si parano innanzi.

La mano sinistra demoniaca in Vampire Hunter D

Vampire Hunter D è sopratutto un manga e successivamente anime dalle fortissime tinte oscure. D si presenta forte, dai riflessi pronti e indiscutibilmente bello. Ma attenzione al farsi ingannare.

Parliamo sopratutto della sua inquietante e pericolosa mano sinistra. Essa presenta sul palmo un volto di mostro raccapricciante. Ha una coscienza tutta sua e poteri straordinari. Vive in simbiosi con D aiutandolo in battaglia e fornendo al protagonista tutti i consigli più macabri per annientare i suoi avversari. Mano sinistra ha la capacità di risucchiare l’energia vitale del nemico e di indurlo al sonno per poi distruggerlo.

Nonostante sia parte di D, mano sinistra pensa per conto suo e non sempre aiuta il cacciatore di vampiri cercando di prevaricarne la volontà. Sa essere però anche molto spiritosa facendo da contraltare al carattere freddo e riservato di D.

Ambientazioni gotiche, vampiri, mostri, sangue e belle donne

Vampire Hunter D è un opera che volutamente ci fa addentrare nel suo immenso calderone di sangue. D ne fa da padrone, col suo viso pulito squarta senza pietà orde di vampiri e licantropi, che si dividono la notte e il giorno.

Il protagonista invece è sopra a ogni parte avendo la possibilità di agire sia di giorno che di notte. Le ambientazioni sembrano quelle dell’800 ma la realtà parla di un opera trasposta in mondo post apocalittico. Un bel casino al quale però ci si abitua dopo pochissimi capitoli o fotogrammi degli episodi.

Non mancano le belle donne aristocratiche e non. E alcune non hanno vita lunga. Infatti molte nobildonne vengono possedute o peggio squartate da qualsivoglia vampiro. Non vi resta che leggere il manga o visionare la serie o gli OAV (consigliamo Bloodlust, un vero capolavoro).

Blood-C: la censura in Italia colpisce ancora inesorabile

Come é nato Fantaman, supereroe con la faccia da teschio