Legend of the Galactic Heroes, una delle migliori serie OAV

Legend of the Galactic Heroes: serie inedita in Italia ma con rating altissimo

Legend of the Galactic Heroes (titolo originario “Ginga eiyu densetsu”) è una serie anni ‘80 di racconti sci-fi, trasposta poi in serie manga e anime. L’autore è Yoshiki Tanaka, famoso per altre due opere “The Heroic Legend of Arslan” e “Sohryuden: Legend of the Dragon Kings”.
La serie anime è composta da 110 episodi; in Italia è inedita e non è possibile guardarla nemmeno con i sottotitoli. Tuttavia è davvero spettacolare e ne consigliamo la visione con i sottotitoli in inglese (molti episodi sono disponibili su Daylimotion).

Su tutti i siti di recensioni di anime e manga Legend of the Galactic Heroes ha voti altissimi. Su AnimeNewsNetwork ha un punteggio di 8,82 su 703 voti; IMBD gli assegna 9,1 su 1.436 voti; sul sito MyAnimeList ha 9,10 su 31.923 voti.

L’ambientazione: un romanzo storico in un futuro spaziale

Nel 2081 d.C. la Terra è invivibile e gli esseri umani partono per popolare altri pianeti. Da questa data ha inizio l’anno 1 dell’Era Spaziale.

Si forma un nuovo Impero Monarchico Galattico con capitale sul pianeta Odino. L’imperatore è Rudolf Von Goldenbaum. Da questo nome avrete intuito che l’impero è costruito per somiglianza con la Prussia del 19esimo secolo e non è affatto democratico.

Nell’anno 473 dell’Era Spaziale un gruppo di persone del sistema stellare di Altair, stanche dell’oppressione dell’impero, decide di partire alla ricerca di altri pianeti. Con un viaggio di 10mila anni luce i fuggitivi sbarcano sul pianeta Heinessen e fondano l’Alleanza democratica dei Pianeti Liberi.

La sfida tra i due comandanti Reinhard e Yang Wen-Li

Siamo a ridosso dell’anno 800 dell’Era Spaziale e sullo scenario politico dell’Impero Monarchico si affaccia un giovane, che aspira a diventare monarca illuminato. Si chiama Reinhard von Musel ed è stanco della corruzione della dinastia Goldenbaum: vuole creare un nuovo impero basato su uguaglianza di diritti, meritocrazia, benessere per il popolo, equità e ordine. Per fare questo però deve sconfiggere l’Alleanza dei Pianeti Liberi e spargere un bel po’ di sangue.

Suo antagonista è l’ufficiale Yang Wen-Li a capo dell’Alleanza. Un giovane che aspirava a diventare uno studioso di storia ma alla fine scopre di essere più bravo come stratega militare. Reinhard e Yang Wen-Li sono rivali ma dimostrano sempre un grande rispetto l’uno per l’altro.

In questa storia il confine tra bene e male non è delineato: le intenzioni di entrambi i capi sono buone e hanno come obiettivo il benessere del popolo. Famosa è una citazione di Yang Wen-Li: “Ci sono poche guerre tra il bene e il male, la maggior parte sono tra un bene e un altro bene”.

Nel prossimo articolo conosciamo meglio la vita di uno dei protagonisti, Reinhard.

Reinhard von Lohengramm, il monarca illuminato del futuro

Claymore, le streghe medievali vestite da cavalieri