Power Rangers, quando l’America strizza l’occhio al Giappone

Nella città di Angel Grove parte lo scontro tra i Power Rangers e Rita

Questo non è un semplice articolo ma un vero e proprio tuffo nel passato. Andiamo a parlare degli eroi colorati che hanno fatto impazzire giovani e meno giovani negli anni ‘90: i Power Rangers! Come la serie Thundercats (di cui vi invitiamo a leggere il nostro articolo) i Power Rangers è una serie che rispecchia molto i canoni degli anime orientali ma che in realtà è di stampo americano.

L’americana Saban ci porta su schermo le vicende di cinque ragazzi che abitano nell’immaginaria cittadina di Angel Grove. I nostri protagonisti hanno il volto coperto da caschi e tute ognuna di colore diverso. Il loro intento è di lottare per salvare il pianeta dalla malvagia Rita. Quest’ultima è la classica despota che brama potere ma che è contornata da comprimari maldestri.

La serie mantiene sempre un tono scherzoso e giocoso. Un mix di arti marziali, acrobazie ed effetti speciali un po’ pacchiani anche per l’epoca. I mostri sono realizzati in gommapiuma e mai spaventosi. Il telefilm vuole insegnare valori come il rispetto del prossimo e la salvaguardia dell’ambiente. A vincere alla fine è sempre l’amicizia.

Da dove prendono il loro potere i Power Rangers?

I Power Rangers assumono straordinarie abilità dalle loro tute e dai caschi. La tenuta da combattimento è comunque alimentata dalla Morphin Grid. Quest’ultima in Italia l’abbiamo imparata a conoscere col nome di Griglia di Trasformazione.

Una Rete grande come il mondo con la quale i ragazzi si connettono e ne escono fortificati. E’ la metafora perfetta del mondo reale con cui i giovani si stanno confrontando nel 1993… ovvero internet! Il loro primo mentore Zordon è un alieno volutamente rappresentato come un’interfaccia che unisce uomo a etere.

Esattamente come l’umanità ha trovato e sta tuttora trovando nel Web tutto ciò che lo può elevare (è solo un’allegoria, sappiamo che nel Web c’è anche tanta spazzatura).

I Power Rangers arrivano grazie a…Spiderman!

Non tutti ne sono a conoscenza ma i Power Rangers hanno una fonte di ispirazione alquanto importante. Conoscete tutti Spiderman, il nostro “amichevole ragno di quartiere”. Ebbene nel lontano 1978 in Giappone è andata in onda una serie chiamata Supaidaman. Qui l’uomo ragno pilota un Megazord, l’enorme robot che poi abbiamo ritrovato nei Power Rangers. L’autore si ispira a Spiderman anche nel costume: i Rangers sono vestiti con lo spandex, stesso materiale della tuta di Spidi.

Per concludere i Power Rangers dal 1993 non sono mai andati fuori moda. Abbiamo innumerevoli serie e nell’ultimo biennio pure due film di ottima fattura. Noi li abbiamo amati e li amiamo tuttora, con questo articolo ve lo abbiamo fatto riscoprire. Se non lo conoscete che aspettate…correte a vederlo!

Zero Two di Darling in the Franxx: la Lamù del futuro

Fairy Tail: i manga e anime che hanno ispirato Hiro Mashima