Chi è Don Zauker di Daitarn 3: il padre di Haran Banjo?

Il finale di Daitarn 3 lascia aperti molti interrogativi: chi è Don Zauker? Dov’è finito Haran Banjo? Dov’è ora il Daitarn 3? Nell’articolo precedente abbiamo visto il finale di Daitarn 3 con la sconfitta del meganoide supremo Don Zauker.

L’ultima scena che vediamo con Banjo e il Daitarn ci mostra il robottone sospeso nello spazio dopo aver azionato il propulsore del pianeta Marte e aver invertito la sua rotta. Marte sparisce nel buio dello spazio cosmico…

La squadra del Daitarn 3 si scioglie

La location poi cambia: siamo nella casa signorile di Haran Banjo. E’ l’alba del giorno dopo la grande battaglia. Beauty, Reika, Toppy si salutano e se ne vanno. Garrison è l’ultimo a lasciare la casa: esce, si mette alla fermata dell’autobus mentre inizia a piovere; apre l’ombrello e inizia a battere un piede, pronunciando le parole: “Uno, due, tre, Daitarn 3!” ma non appare nessuno. Poco dopo sale sull’autobus che lo porta via.
Nella casa però si vede una luce accesa in una stanza. E’ lì dentro Haran Banjo?

Ecco chi è Don Zauker, il cattivo di Daitarn 3

Molti dicono che Don Zauker sia il padre di Haran Banjo. Nella capsula di vetro di Don Zauker è contenuto proprio il cervello di Haran Sozo. Sozo quindi non aveva solo creato una stirpe di meganoidi ma aveva provato a trasformare anche il suo corpo in un meganoide supremo e ci era più o meno riuscito.
Koros è la segretaria amante di Haran Sozo, che ha rovinato la sua famiglia, facendo in modo che si separasse dalla moglie e facendola uccidere dai meganoidi. Anche per questo Haran Banjo prova molto risentimento nei confronti del padre. Ma queste solo solo ipotesi.

Quello che è certo è che nell’ultimo scontro con Don Zauker, la scena in cui Banjo vede Koros morire è stata tradotta in maniera diversa in italiano. Come dicevamo nell’articolo precedente, nella versione italiana Banjo ha parole dure nei confronti di Koros, la definisce “maledetta” e sostiene che ha avuto quello che si meritava. Nella versione originale invece si chiede “che cosa ho fatto?” perchè si rende conto di aver avviato una lotta personale nei confronti di un popolo che non aveva alcuna mira espansionistica nei confronti della Terra. Lui li voleva distruggere semplicemente per questioni personali.

Forse anche per questo i membri della squadra del Daitarn abbandonano la casa di Banjo senza alcun sentimento, come se avessero capito che la loro battaglia non aveva senso.

Il creatore dell’anime, Yoshiyuki Tomino (che è autore anche di Gundam) dice di aver lasciato la storia aperta a molte interpretazioni. E chissà, magari un giorno vederemo il seguito di questo grande cartone animato degli anni ’80.

Il finale di Daitarn 3: il mistero su Haran Banjo

Captain Earth: Daichi e compagni contro gli invasori alieni