Il personaggio di Reina in “La leggenda di Hokuto”

Il personaggio di Reina: come nasce la sua figura

Il personaggio di Reina fa la sua comparsa nel primo dei cinque lungometraggi del nuovo corso di Ken il guerriero. La troviamo ne “La leggenda di Hokuto” e “La leggenda di Raoul”. La sua realizzazione nasce dalla geniale collaborazione tra Tetsuo Hara (ideatore della saga di Ken il guerriero) e Tsukasa Hojo (già autore tra gli altri di City Hunter e Occhi di gatto).

Ciò che ne esce è una eroina femminile che, come sappiamo, non compare nella saga ma della quale si sentiva un forte bisogno. E’ infatti una donna forte e una guerriera formidabile, al fianco del suo amato Raoul. Per Raoul, il sanguinario Re di Hokuto, lei sarà la sua debolezza sentimentale ma anche la sua arma più importante, nel ruolo di generale delle sue truppe.

Il personaggio di Reina: l’amore tormentato con Raoul

Il personaggio di Reina ricopre fondamentale importanza: ci fa vedere il lato più umano di Raoul. I due si conoscono da piccoli nella Terra di Shura e con loro anche l’inseparabile fratello di Reina, Souga.

Ne “La leggenda di Hokuto” troviamo la contrapposizione tra il Raoul conquistatore e il Raoul martire dell’amore. Raoul è consapevole che il sentimento che nutre per Reina lo rende debole e cerca di chiudersi vanamente in se stesso. Reina gli mostra un amore incondizionato: segue Raoul in ogni sua battaglia. Addirittura continua a vedere in lui un lato buono anche quando uccide suo fratello Souga.

I sentimenti di Raoul per Reina vengono a galla in maniera esplosiva, quando la giovane viene ferita dai nemici e in punto di morte dichiara di amarlo. Lui decide di vendicare la sua amata e scaglia la sua ira contro l’esercito di Souther.

Ci sono addirittura dei sostenitori della tesi che i due abbiano avuto un figlio. Alla fine della saga originale il manga prosegue mostrando ai fan un bimbo, Ryo. Forse saremmo degli inguaribili romantici, ma perché non pensare che il bimbo che Reina cura personalmente sia figlio del suo amato Raoul?

Il personaggio di Reina: le somiglianze con Julia

Appena vediamo Reina su schermo non possiamo fare a meno di pensare a Julia. I lineamenti, il vestiario da combattimento ma sopratutto la dedizione per i loro amati (rispettivamente Ken per Julia e Raoul per Reina) le rendono davvero molto simili tra loro.

Soffermandoci sul piano tecnico, entrambe presentano un vestiario da guerriere che si differenzia solo nel colore (bianco per Reina, azzurro per Julia) e una lunga chioma rosso fuoco. A pensarci bene, pure Mamiya, l’amata di Rey nella prima serie, era una guerriera formidabile dai capelli rosso vivo… che agli autori della saga, piacciano le rosse?

Reina è diventata davvero iconica come Julia, seppur ci sia stata mostrata solo nelle movie. Un peccato non averla vista nella serie: come Julia è stata per Kenshiro la sua ragione di vita, anche Reina poteva essere per Raoul una complice in battaglia e in amore.

Reina e Julia, due donne dal cuore grande, dai grandi principi morali, ma pronte a tutto per difendere il loro amore. Nello specifico, il personaggio di Reina, è una perla rara, in un contesto già di per sé epico. Una paladina della giustizia, una guerriera formidabile ma sopratutto, la figura di collante alla storia che manca alla serie originale.

L’airone bianco di Nanto Shu in “La leggenda di Hokuto”

Principessa Mononoke: quando uomo e natura sono in conflitto