Chi ha inventato Kenshiro? Ecco i padri del grande guerriero

Chi ha inventato Kenshiro? Da appassionati di questo eroe senza tempo ve lo sarete spesso domandati. E da cosa saranno stati influenzati nella sua creazione? Partiamo col citare i nomi illustri dei “papà” del nostro amato guerriero: Tetsuo Hara e Buronson. Il primo è la mente che ha partorito Kenshiro, il secondo fa da supervisore e valorizza Ken con i suoi magnifici tratti da disegnatore.

Tetsuo Hara ha realizzato tantissime opere di successo ma la cosa curiosa è che disegna con un occhio chiuso. Soffre infatti di una rara deformazione oculare che lo obbliga a chiudere un occhio per potersi concentrare nel disegno. Il fatto che la malattia lo costringa a rivedere più volte i suoi lavori lo ha portato a ottenere opere davvero dettagliate.

Yoshiyuki Okamura in arte Buronson è appassionato di film d’azione come quelli di Bruce Lee e della saga di Mad Max. Da qui l’ambientazione post apocalittica di Kenshiro, i caratteri duri da uomini di strada dei vari guerrieri, ma anche la realizzazione dei vestiti e mezzi di trasporto che si vedono nel manga/anime.

Chi ha inventato Kenshiro si è ispirato alla saga di Mad Max

Dopo aver risposto alla domanda di chi ha inventato Kenshiro, andiamo ad analizzare le opere hanno spinto gli autori a ideare il capolavoro che amiamo. Siamo negli anni ‘80. Hara ha appena completato un piccolo manga che tratta di arti marziali e si inizia a sentir parlare dell’arte dell’Hokuto Shinken. Ad affiancarlo nella trasposizione dell’opera chiamano Buronson.
Buronson in un’intervista ha spiegato che Kenshiro all’inizio doveva essere uno studente delle superiori. Ma ha pensato… troppo banale! La visione plurima di Mad Max lo ha fatto andare verso le ambientazioni post apocalittiche, trasformando l’alunno Ken in un guerriero potentissimo.

Nel prosieguo dell’intervista Buronson spiega come le terre disastrate dalle guerre atomiche abbiano fatto tutto il resto. Ken è come Mel Gibson in Mad Max. Fisicamente invincibile, capace di ammazzare in pochi colpi ma con sani valori di pace. Tutto il film di Mad Max parla di un mondo dalle pochissime risorse. I più furbi e lesti hanno la meglio con la forza, predatori che si accaparrano terre a discapito dell’uomo comune… praticamente la trama di Kenshiro!

Il Don Chishiotte d’acciaio: il “fratello spirituale” di Kenshiro

Tra le serie create da Hara ce n’è una in particolare che non possiamo non citare: il Don Chishiotte d’acciaio. Il manga è composto da 10 episodi raggruppati in 2 volumi. Koruso Gen è il protagonista. Un motociclista che prende parte a gare di motocross violente e pericolose in tutto il mondo. Se andiamo a vedere i tratti del suo maggior rivale Higarashi possiamo notare quanto sia somigliante a Shin (avversario in amore di Kenshiro).

Un’altra cosa che balza all’occhio è lo stemma sulla bandiera della Red Army che organizza le gare di motocross. Ora guardate il simbolo dei vessilli del Re di Hokuto Raoul: molto simili vero?

Ultimo ma non in ordine di importanza diamo uno sguardo alla protagonista femminile del Don Chishiotte d’acciaio. Se la si osserva bene non vi verrà difficile paragonarla alla cara e dolce Lyn (versione adulta ovviamente).

L’airone bianco di Nanto Shu in “La leggenda di Hokuto”

Il personaggio di Reina in “La leggenda di Hokuto”