The Lost Anime

Tutta la serie di Black Jack: in che ordine guardarla e dove

La serie di Black Jack è davvero vasta e anche molto varia e per chi vuole conoscerla è un po’ difficile districarsi tra i vari titoli. Diverse produzioni non sono in italiano o con sottotitoli italiani e bisogna ricorrere ai fan made, ovvero al lavoro dei fan che hanno messo i sottotitoli. Facciamo quindi un po’ di luce su questa storia appassionante che affonda le radici negli anni ‘70 e che continua ad affascinare con la sua attualità.

Chi è l’autore Osamu Tezuka

La serie di Black Jack è tratta dal manga omonimo di Osamu Tezuka, considerato il padre dei manga giapponesi. Scomparso nel 1989 all’età di soli 60 anni, è l’autore della prima serie anime della storia, ovvero “Astro Boy” (1963). Altre sue opere di successo sono “Kimba, il leone bianco” (1950), “La principessa Zaffiro” (1953), “La storia dei tre Adolf” (1983).

La storia di Black Jack

Black Jack è il suo capolavoro di genere poliziesco, azione e mistero, uscito come manga shonen in 25 volumi nel 1973. In Italia è arrivato solo nel 1995. La storia non risente del passare degli anni (risale infatti a quasi cinquant’anni fa). Il protagonista è un medico chirurgo dalle capacità straordinarie e uniche al mondo, Kuroo Hazama soprannominato Black Jack. E’ in grado di operare pazienti dati per spacciati o incurabili secondo il parere di altri dottori. Il suo soprannome fa riferimenti al gioco di carte omonimo (nella serie vediamo spesso raffigurate delle carte da gioco) ma anche alla pirateria (Black Jack è un famoso pirata di colore del 19esimo secolo ed è anche la bandiera nera con il teschio bianco e le ossa incrociate).

Il protagonista del manga di Osamu Tezuka è un po’ come il gioco di carte e anche come un pirata: cerca di guadagnare il più possibile dai suoi interventi e opera senza licenza. Ciò gli causa una serie di inimicizie: diverse organizzazioni si coalizzano contro di lui per farlo fuori. Tuttavia ha anche molti ammiratori e fan che lo sostengono e credono in lui. Il suo volto e il suo corpo sono completamente sfregiati a seguito di un’esplosione che lo ha coinvolto da piccolo. Questo lo fa assomigliare ancora di più ad un pirata.

Con lui c’è la piccola assistente Pinoko (o Pinoco), che in realtà ha 18 anni. Il suo corpo è un esoscheletro costruito da Black Jack per evitarle la morte, quindi la ragazza non potrà mai crescere. Lei si considera la moglie di Black Jack e per lui nutre un amore profondo (ma forse non ricambiato in quel senso!).

Le serie anime di Black Jack, dove vederle e in che ordine

Dal manga sono state tratte delle serie anime in stile decisamente moderno. Ecco la lista con i titoli ordinati secondo il nostro personale parere, per garantirvi una migliore esperienza di visione.

1. Black Jack TV (anno 2004, 61 episodi) – con sottotitoli fan made

Vi suggeriamo di guardare per prima la serie anime in 61 episodi dal titolo “Black Jack TV” (2004-2006) attualmente inedita in Italia e con sottotitoli inediti. La potete trovare sottotitolata grazie a delle fan made in giro per il web, come ad esempio su Ani>Play. La casa produttrice è la Tezuka Production, fondata dall’autore stesso. La direzione è del figlio di Osamu Tezuka, ovvero Makoto Tezuka.

2. Black Jack 21 (anno 2006, 17 episodi) – con sottotitoli fan made

Sempre la Tezuka Production nel 2006 ha prodotto questa serie di 17 episodi, con la regia di Makoto Tezuka e Satoshi Kuwabara. Inedita in Italia è anche questa reperibile con sottotitoli fan made in giro nel web (YouTube, Dailymotion e altri).

3. Black Jack – Dieci indagini nel buio (anno 1993, 10 OAV) – in italiano

Questi 10 OAV dal titolo di “Black Jack” (o in alternativa “Black Jack – Dieci indagini nel buio”) sono diretti da Osamu Dezaki, famoso anche per altri suoi lavori come Jenny la tennista, Lady Oscar, Rocky Joe, L’isola del tesoro, Lupin. La casa di produzione è sempre la Tezuka Production. Li potete trovare doppiati in italiano. Ogni OAV è diviso in due parti o puntate. In Italia sono distribuiti da Yamato Video. I toni delle pellicole sono più scuri, maturi, con scene al limite dell’horror e momenti bollenti di eros.

4. Black Jack – La sindrome di Moira (anno 1996)

Film realizzato sempre da Osamu Dezaki, disponibile in italiano a cura della Yamato Video e rintracciabile anche in internet (YouTube e altri).

5. Young Black Jack (anno 2011, 12 episodi) – in italiano

Nel 2011 è iniziata la produzione di un nuovo manga ispirato a Black Jack, scritto da Yoshiaki Tabata e disegnato da Yūgo Ōkuma. E’ stato poi trasposto in una serie anime del 2015 in 12 episodi in italiano. Lo potete trovare nel web (ad esempio Ani>Play o altri).

In arrivo i film Kimba il leone bianco e Unico l’unicorno

Sette titoli anime consigliati da Elon Musk

Perché Muzan di Demon Slayer assomiglia a Michael Jackson?

 

error: Content is protected !!