La storia parallela di Terence Grandchester in Candy Candy

Come finisce la storia di Terence Grandchester in Candy Candy

A grande richiesta torniamo a parlare di Candy Candy e in particolare del bel tenebroso Terence Grandchester.
La sua è una storia parallela a quella della protagonista che meriterebbe un cartone animato suo, anche perché è il personaggio più amato di questa serie.

Nato nel 1896 a New York, è un figlio d’arte: sua madre è l’attrice teatrale Eleonora Baker. Ha anche origini nobili perché suo padre è il duca di Grandchester, signore dell’aristocrazia inglese.

Siamo in un epoca in cui i matrimoni con personaggi dello spettacolo non sono ben visti e quindi il duca di Grandchester non può sposare Elonora Baker. Ma Terence è il suo primogenito e quindi, a soli 5 anni, lo porta via dalla madre. In Inghilterra il duca sposa una nobildonna per nulla simpatica: pur vivendo in una famiglia ricca, non è facile per il bambino stare con una matrigna del genere.

Questa situazione rende Terence un giovane cupo, sempre imbronciato, triste, scontroso.
Le cose non migliorano quando a 12 anni inizia a studiare a Londra, al Royal College of Saint Paul. Tra l’altro il padre è uno dei finanziatori della scuola e quindi Terence sente di poter fare qualunque cosa e di avere un percorso scolastico assicurato con il minimo sforzo.

Terence ha una visione troppo idealizzata della madre e sogna di poterla incontrare di nuovo: così nel 1912, a 16 anni, va in America, precisamente a Broadway, dove la madre è ormai un’attrice di successo. Lei è felice di vederlo ma nello stesso tempo gli chiede di non tornare mai più, perché nessuno sa che lei ha avuto un figlio fuori dal matrimonio e questa notizia rovinerebbe la sua reputazione.

L’incontro di Terence Grandchester con Candy

E’ un altro duro colpo per Terence, ma al ritorno a Londra sta per avere una sorpresa. Nel viaggio verso l’Inghilterra infatti incontra Candy. Da lì il suo carattere cambia, grazie all’influenza positiva della giovane, e tra i due nasce un’amicizia, anche perché entrambi frequentano la Saint Paul School.

Terence è innamorato di lei, tuttavia Candy pensa ancora ad Anthony (il giovane morto cadendo da cavallo). E’ durante le vacanze estive in Scozia che Terence fa il primo passo: bacia di sorpresa la bella biondina e lei non la prende bene. Il loro semi-flirt va avanti per diverso tempo e solo l’intervento di Iriza (la rivale di Candy) rovina tutto.

Iriza è persa per Terence e vuole eliminare Candy dalla scena: così rivela a tutti della loro relazione segreta. Candy viene espulsa dalla scuola. Anche Terence non riesce più a rimanere in quel posto e se ne va. Grazie a questo gesto però Candy si rende conto di amare Terence anche se ormai è tardi.

L’amore sfortunato di Candy e Terence

Nel 1913 Terence vola a New York per seguire le orme della madre e diventare un attore. Viene subito ammesso alla Stanford Theatre Company.

Non sa che anche Candy è in America, precisamente a Chicago. Appena lo scopre, nel 1914, la contatta e le chiede un incontro a New York: ha intenzioni serie e vuole chiederle di rimanere con lui. Peccato che la sorte anche questa volta non aiuta i due giovani.

Come ricorderete, pochi giorni prima dell’incontro, nel corso delle prove per la commedia di Romeo e Gulietta avviene un grave incidente. Uno dei sostegni per le luci si stacca dal soffitto e sta per colpire Terence. La protagonista femminile, Susanna Marlow, innamorata apertamente di lui, lo protegge con il corpo. Ricoverata in ospedale, perde una gamba, rimasta schiacciata sotto la trave. Per lei la carriera di attrice è finita.
Candy, venuta a conoscenza di questo fatto, chiede a Terence di restare con Susanna e si fa da parte.

Pochi mesi dopo Terence ha una crisi esistenziale: non ama Susanna e quindi non riesce più a vivere con lei. Passa le giornate come un barbone, a ubriacarsi senza fare nulla. E qui si aprono quattro scenari, che vi svelo nel prossimo articolo.

Il finale di Candy Candy: con chi si sposa la protagonista?

Candy e Terence a New York: quando i sogni superano la realtà