The Lost Anime

2020 The Lost Anime Blog Logo

The Lost Anime

Recensioni, News, Curiosità Su Manga, Anime, Games, Cinema, Musica e tanto altro

In che ordine guardare la serie Dragon Ball

In che ordine guardare la serie Dragon Ball? Per chi è fan della saga nata dalla mente di Akira Toriyama agli inizi degli anni ‘80 la risposta potrebbe essere semplice. In realtà come per tante altre serie famose (ci viene in mente colossi del cinema come Star Wars) ci sono diverse modalità di visione. C’è chi predilige guardare l’opera nella sua uscita cronologica, chi segue la serie in base alla temporalità degli eventi, e chi si limita al mero gusto personale.

In questo articolo cerchiamo di darvi uno spunto per approcciarvi alla saga o semplicemente recuperarla.

In che ordine guardare la serie Dragon Ball

1. La prima serie “Dragon Ball”: alla ricerca delle 7 sfere

E’ il 1989 e in Italia si è nel boom dei cartoni animati. Se i canali Fininvest ci propongono un misto tra cartoon americani e anime giapponesi, è Junior Tv il vero calderone contenente gli anime giapponesi di lotta. Tra questi proprio nell’89 spunta Dragon Ball. E’ l’inizio di una delle saghe più longeve delle storia degli anime.

La prima serie si poggia sull’incontro del piccolo Goku con la bella Bulma. La ragazza è alla ricerca di 7 sfere del drago sparse per il globo. Sono oggetti portentosi che se riuniti possono far apparire il drago Shenron e fargli esaudire un qualsiasi desiderio. Bulma nota nel piccolo Goku una forza smisurata per la sua età (oltre che una coda da scimmia ma a quello ci arriviamo dopo).

Goku si fa convincere da Bulma a seguirla nella ricerca delle sfere. Nel loro viaggio iniziamo a conoscere personaggi che entrano nel cuore dei fan: il maestro sporcaccione Muten, il maialino Oscar, Yamcha, Crilin, il namecchano Piccolo (primo suo grande nemico) ecc.

2. “Dragon Ball Z”: inizia la saga dei Saiyan

La saga di Dragon Ball prosegue con Dragon Ball Z. La serie è un successo senza precedenti. Molti fan la reputano la migliore di tutte ed ha ricevuto negli anni tante onorificenze. Il merchandise di Dragon Ball Z è tutt’oggi su livelli altissimi: carte da gioco, videogiochi (gli ultimi successi sono Dragon Ball FighterZ e Dragon Ball Z Kakarot) spopolano nelle case degli italiani.

In Dragon Ball Z abbiamo un Goku ormai adulto. Si scopre un discendente della razza Saiyan. La storia parte infatti con l’arrivo del Saiyan Radish sulla Terra. E’ il fratello di Goku. Goku viene a sapere di essere stato mandato sulla Terra per sterminare la razza umana, ma per via del trauma cranico subito durante il viaggio non si ricorda nulla. Goku prende atto delle sue origini ma affianca l’ormai amico Piccolo nella battaglia a Radish. E’ solo l’incipit che ci porta a una storia di proporzioni enormi.

Nella serie Z si susseguono personaggi epici: il figlio di Goku Gohan, il principe dei Saiyan Vegeta, Freezer, gli androidi C17 e C18, Cell, Majin Bu, ecc.

Per chi fosse interessato ci sono molti lungometraggi inerenti alla serie Z. Ne parliamo nell’ultimo paragrafo.

3. “Dragon Ball GT”: la serie non prevista

Prima di partire con il paragrafo ecco una menzione speciale: Dragon Ball Kai. E’ uscito solo in Giappone ma reperibile con sottotitoli in italiano. Diciamo che è una “rimasterizzazione” della serie Z, magari più rifinita, con tagli di qua e di là ma con anche qualche aggiunta inedita. Sta a voi decidere se vederla o meno. Ora passiamo alla terza serie di Dragon Ball, ovvero il GT.

Una premessa: Dragon Ball GT non è canonico nella saga. La storia esula dal manga originale e nasce quindi sull’onda del successo televisivo dello Z. Siamo proiettati 5 anni dopo il 28° Torneo Tenkaichi. Arrivati qui abbiamo già conosciuto un nuovo personaggio ovvero Ub, nuovo allievo di Goku. Pilaf accidentalmente fa tornare Goku bambino, a causa dello sbaglio nell’esprimere il desiderio al drago Shenron. Nell’anno successivo a questo accadimento il “piccolo” Goku affianca sua nipote Pan e il giovane Trunks nelle battaglie a Baby, Super C17 e ai vari draghi.

4. “Dragon Ball Super”: gli dei della distruzione

Ora passiamo a Dragon Ball Super. Questa serie si svolge prima dei fatti accaduti in Dragon Ball GT e ci introduce nuove forme di trasformazione dei Super Saiyan. Incontriamo nuovi temibili avversari per Goku e compagni: Lord Beerus (cattivo tra virgolette), Champa, Vadus, Zamasu, Jiren, Zeno, il Gran Sacerdote ecc. E qui parte il dilemma: cosa guardare prima? GT o Super? Torniamo all’introduzione: per chi si approccia alle serie ora può guadare prima Super (ancora in corso) e poi recuperare più avanti GT. Ma anche fare il contrario privilegiando prima GT, serie già fatta e finita. A voi la scelta!

I lungometraggi della serie Z

Come dicevamo nel punto 2 ci sono molti lungometraggi inerenti alla serie Z. Ecco la lista:

Dragon Ball Z: La vendetta divina (1989)
Dragon Ball Z: Il più forte del mondo (1990)
Dragon Ball Z: La grande battaglia per il destino del mondo (1990)
Dragon Ball Z: La sfida dei guerrieri invincibili (1991)
Dragon Ball Z: Il destino dei Saiyan (1991)
Dragon Ball Z: L’invasione di Neo Namek (1992)
Dragon Ball Z: I tre Super Saiyan (1992)
Dragon Ball Z: Il Super Saiyan della leggenda (1993)
Dragon Ball Z: La minaccia del demone malvagio (1993)
Dragon Ball Z: Sfida alla leggenda (1994)
Dragon Ball Z: L’irriducibile bio-combattente (1994)
Dragon Ball Z: Il diabolico guerriero degli inferi (1995)
Dragon Ball Z: L’eroe del pianeta Conuts (1995)
Dragon Ball Z: La battaglia degli dei (2013)
Dragon Ball Z: La resurrezione di ‘F’ (2015).

Potete guardare anche due speciali TV:

Dragon Ball Z: Le origini del mito (1990)
Dragon Ball Z: La storia di Trunks (1993)

Vegeta è più forte di Goku in Dragon Ball Super

I costumi di Goku più belli in Dragon Ball votati dai fan

Tutte le morti di Goku nelle serie di Dragon Ball

Perché Goku è più forte di Vegeta in Dragon Ball?

Come si sono innamorati Vegeta e Bulma in Dragon Ball

Perché il Genio delle Tartarughe perde sangue dal naso?

 

error: Content is protected !!