The Lost Anime

2020 The Lost Anime Blog Logo

The Lost Anime

Recensioni, News e Curiosità Su Manga, Anime, Cartoni Animati

Inserisci il nome del manga, anime o personaggio, ad esempio “kenshiro” o “candy candy”. Non inserire troppe parole o frasi.

Tutte le sigle di Ken il guerriero dal Giappone all’Italia

Due serie animate e numerosi OAV dedicati: questo è l’anime di Ken il guerriero. Gli anni ‘80 aprono le porte all’eroe in stile Mad Max nato dalle menti di Tetsuo Hara e Buronson. In questo articolo andiamo a analizzare tutte le sigle di Ken il guerriero, da quelle italiane a quelle giapponesi.

Tutte le sigle di Ken il guerriero

1. “Mai, mai, scorderai, l’attimo, la terra che tremò”! Ecco la prima serie italiana

Siamo nel 1986 e gli italiani scoprono Kenshiro nella sua prima stagione. Parte la sigla: “Mai, mai, scorderai, l’attimo, la terra che tremò”! Poche puntate e tutti noi l’abbiamo imparata a memoria (qui il link al video su YouTube).

La sigla italiana della prima serie italiana è stata scritta da Lucio Macchiarella. La musica invece è opera di Claudio Maioli. La canzone è del 1986 ma non è stata incisa su disco prima del 1994, all’interno della compilation per l’infanzia TiVulandia 2.

Lo scrittore Lucio Macchiarella non è nuovo a scrivere canzoni per bambini. Prima di Kenshiro sale alla ribalta grazie al testo della sigla dell’Ape Maia. Dimostra anche di poter scrivere testi più “impegnati” grazie alla stesura della canzone di Candy Candy. Proprio grazie a Candy Candy l’RCA lo chiama a scrivere le parole per Ken il guerriero.

Claudio Maioli ha cantato la sigla di Kenshiro. Cosa curiosa è che è stato l’unico cartone animato cantato da lui. Non ha mai pensato di cantare come da lui dichiarato. E’ conosciuto soprattutto come turnista per artisti del calibro di Patty Pravo, Venditti, Lauzi e Bertè.

2. “You wa shock” apre le puntate della prima serie giapponese

A cantare la sigla della prima serie per il popolo del Sol Levante sono i Crystal King. Sono un gruppo pop rock giapponese che suona insieme dal 1971. You wa shock in realtà non è il reale nome del singolo. Ai wo Torimodose!! sarebbe il titolo vero ma tutti la chiamano oramai “You wa shock” (qui il link per ascoltare la canzone).

Il singolo è datato 1984 e ha portato grande fama per i Crystal King. Hanno venduto più di 500.000 copie e l’aggiunta di una nuova versione ha fatto schizzare le vendite a oltre 1 milione di copie. Negli OAV c’è un’altra loro canzone “Yuria … Eien ni”, anche questa diventata epica.

3. “Tough boy” apre la seconda serie in tutto il mondo

Tra tutte le sigle di Ken il guerriero siamo arrivati a quella che unisce i telespettatori del mondo intero: “Tough boy” (qui il link a YouTube per ascoltare la canzone). Il brano è stato composto e arrangiato dal gruppo giapponese Tom Cat. Sono diventati famosi tra gli anni ‘80 e ‘90 proprio per Tough boy.

Durante i loro concerti i fan chiedono sempre a gran voce “Tough boy”. Tantissime band hanno coverizzato il brano: gli Animetal, i Rocking Butterfly, la cantante Momo-i, gli italiani Highlord ecc.

Ma non è tutto: ogni saga va chiusa con una sigla finale epica e i Tom Cat hanno fatto ancora centro.

4. “Love song” chiude la saga di Ken il guerriero

I Tom Cat si occupano di chiudere anche gli episodi della seconda serie. Se la sigla d’apertura è rock puro, la canzone finale, “Love Song”, è molto più melodica (a questo link di YouTube trovate la canzone).

Parliamo di Love song. Un vero e proprio inno all’amore. Le immagini sono tutte per una Lynn ormai matura e… innamorata. Di Bart? O forse di Kenshiro? I fan in genere optano più per la seconda ipotesi.

Parole che tradotte nel nostro italiano suonano come una vera dichiarazione d’amore. Tra tutte le sigle di Ken il guerriero è sicuramente quella che riempie di più il cuore.

Qui trovate il link alla playlist completa sul nostro canale YouTube.

Tutta la storia d’amore di Kenshiro e Julia in 3 minuti

Kenshiro con la barba: nella 2^ serie si mostra più maturo

Perchè Jonathan Joestar assomiglia a Kenshiro?

Chi ha inventato Kenshiro? Ecco i padri del grande guerriero

Il personaggio di Reina in “La leggenda di Hokuto”

L’airone bianco di Nanto Shu in “La leggenda di Hokuto”

 

error: Content is protected !!